HANS CHRISTIAN GRAM
MEDICO E FARMACOLOGO
(1853-1938)


Hans_Christian_Gram_web
Hans Joachim Christian Gram (Copenaghen, 13 settembre 1853 – Copenaghen, 14 novembre 1938) è stato un medico, patologo e farmacologo danese.


Biografia
Gram studiò botanica all'Università di Copenaghen e fu assistente di Japetus Steenstrup. Il suo interesse verso le piante lo portò allo studio della farmacologia ed all'uso del microscopio.
Intraprese gli studi medici nel 1878 e si laureò nel 1883. tra il 1878 e il 1885 viaggiò in diverse università europee.
Nel 1891, Gram divenne lettore in farmacologia, ed in seguito, lo stesso anno, fu nominato professore all'Università di Copenaghen.
Nel 1900 diede le dimissioni dalla cattedra di farmacologia per assumere quella di Medicina Interna.
Insegnò fino al 1923, quando si ritirò in pensione.

hans-christian-grams-166th-birthday

Scoperte
Google ha dedicato il doodle
(1) di oggi 13 settembre al medico e microbiologo danese Hans Christian Gram, di cui ricorrono i 166 anni dalla nascita.

Gram è noto soprattutto per la scoperta della cosiddetta “colorazione di Gram”, un metodo di colorazione che si usa negli esami colturali(2) per identificare i batteri.

Il suo nome è legato all'importante scoperta della colorazione di Gram da cui deriva la classificazione dei batteri in Gram-positivi e Gram-negativi (i batteri prendono il nome Gram proprio dal medico danese).
La tecnica della colorazione venne effettuata da Gram nel 1884 a Berlino: mentre esaminava del tessuto polmonare di pazienti deceduti per polmonite notò che alcune cellule batteriche, se trattate con colorante al cristalvioletto e con una soluzione di iodio e poi decolorate con dell’alcol etilico, si coloravano più intensamente, mentre in altre cellule batteriche questo non succedeva.

Gram scoprì che queste differenti reazioni avvenivano a seconda dello spessore della parete di peptidoglicani (una sostanza proteica).
In base a questa distinzione, Gram chiamò
Gram-positivi i batteri con una parete di peptidoglicani sui quali il colore attecchiva, e Gram-negativi quelli su cui la parete era molto più sottile e racchiusa tra una membrana esterna e una interna, e su cui il colore non attecchiva.
La scoperta di Gram è ancora oggi il criterio in base a cui si identifica un batterio e si valuta quale antibiotico usare con determinati batteri: le penicilline, per esempio, attaccano la parete dei batteri (attraverso l’anello beta-lattamico) e quindi funzionano contro i Gram-positivi, ma sono inefficaci contro i Gram-negativi. Infatti nel periplasma di questi ultimi – cioè nello spazio compreso fra la membrana cellulare e la membrana esterna – sono presenti enzimi come la beta-lattamasi che distruggono l’anello beta-lattamico delle penicilline.

(1) l’immagine che compare di tanto in tanto al posto del logo nella homepage del motore di ricerca.
(2) quelli in cui si prende un liquido biologico e lo si mette in un terreno adatto a far crescere i batteri.