HOME "LA NOSTRA TERRA"


Un grido di allarme (e di dolore), oltre che una magnifica dichiarazione d'amore. Più che un film, un vero e proprio manifesto. A favore e a difesa di un ambiente mai come ora bistrattato, trascurato, sfruttato ma comunque indispensabile, certamente ancora - nonostante tutto - bellissimo.
Home - la nostra Terra, un film fortissimamente voluto da Yann Arthus-Bertrand da quando, in qualità di fotografo, rimase stregato dal nostro Pianeta guardandolo dall'alto, scoprendone le meraviglie e constatando al contempo la fragilità di un equilibrio perennemente da contrattare.


IL FILM
Coprodotto, senza fini di lucro, da Luc Besson, il film non attacca ma suggerisce, semmai implora, in gran parte spiega, con il supporto statistico che la serietà del problema impone, senza però il rigore scientifico già visto in "Una scomoda verità". Ciò che conta, infatti,"non è che il 50% delle foreste sia scomparso, ma che l'altro 50% ci sia ancora".
Tutte le scene sono rigorosamente riprese dal bordo di un aereo; il che, se da una parte crea un senso di distacco e di freddezza nella pellicola (non si ha modo di appassionarsi a nessuna storia perché, fisicamente, non ci si addentra, non ci si mischia), dall'altra restituisce il meraviglioso effetto mosaico che nessuna "photoshoppata" oserebbe.



N.B. Siete pregati di segnalare la presenza di link errati o inattivi.