Marte e la sua luna Phobos

APPROFONDIMENTI PER LA CLASSE 3B: MARTE E LA VITA AL DI FUORI DELLA TERRA
Nel futuro c’è Marte (Enrico Flamini; INAF; 26/08/ 2015)
La botanica di “The Martian” (Stefano Della Casa; Aula di Scienze Zanichelli; 18/11/2015)
Ecco come (forse) colonizzeremo Marte (Alice Pace; Wired; 8/01/2016)
Opportunity: 12 anni su Marte, ma doveva durare 3 mesi (Simone Valesini; Wired; 29/01/2016)
Frammenti di Marte (Stefano Della Casa; Aula di Scienze Zanichelli; 21/01/2016)


--------
Penso che il modo migliore per rendere la matematica interessante sia quello di presentarla come un gioco.
A livelli superiori - quando la matematica è applicata a problemi concreti - può e deve essere terribilmente seria.
Nessuno studente può essere motivato a studiare una teoria astratta dicendogli che la troverà utile, o addirittura interessante, se diventerà un fisico nucleare.
Sicuramente il miglior modo per tenerlo "sveglio" è quello di presentargli giochi matematici, puzzles, paradossi (...).
Non dico che un insegnante non debba fare altro che divertire i propri studenti. Deve esserci un interscambio tra serietà e divertimento: quest'ultimo tiene desto l'interesse, mentre la serietà giustifica il divertimento. Alla fine, lo studente potrà perfino essere sorpreso della quantità di matematica che ha appreso senza neppure volerlo.

"La matematica, dopo tutto, è nient'altro che la soluzione di un indovinello" (Martin Gardner)







>>> Per scaricare le istruzioni per l'installazione del booktab: clicca qui